26

Ott

Google Adwords cos’è e come funziona

Category : Marketing / by

In questo articolo vedremo che cos’è Google AdWords, come funziona, e soprattutto, come poterlo utilizzare al meglio. In questa guida completa, vedremo tutto ciò che c’è da sapere su Google ADS e le sue campagne pubblicitarie.

Cos’è Google AdWords

Google AdWords è il servizio pubblicitario ufficiale di Google che consente di raggiungere facilmente potenziali clienti se sei un azienda o moltissime persone se vuoi far conoscere il tuo sito o quello che proponi. Questi annunci pubblicitari, se vogliamo, si possono impostare in modo da indirizzare solo i potenziali clienti entro pochi chilometri dalla nostra attività. Oppure, possiamo impostarli per farli visualizzare a tutte le persone che abitano in una determinata regione.

Come funziona Google AdWords

Il funzionamento di Google AdWords si concentra su un aspetto molto semplice; le keywords. Gli inserzionisti che vogliono creare un annuncio pubblicitario, fanno delle offerte per delle parole chiave su cui vogliono posizionare al meglio gli annunci. Ogni volta che un utente digita quelle parole chiave sul motore di ricerca Google, vede apparire un annuncio cliccabile nei risultati. Ad ogni parola chiave, è associato un costo che viene addebitato ogni volta che qualcuno clicca sull’annuncio.

Questo, sostanzialmente, è uno dei metodi con cui Google guadagna. Il costo di una parola chiave dipende da quante altre persone fanno offerte per essa, dalla qualità del tuo annuncio e da altri fattori. Le persone che digitano delle parole chiavi su Google vedranno degli annunci di testo nella posizione in alto e in basso dei risultati di ricerca.

Keyword PlannerQuando controlliamo la stessa parola chiave nello strumento di Google Keyword Planner otteniamo alcune informazioni importanti che bisogna sapere prima di fare un’offerta per una parola chiave. Le informazioni più importanti da tenere in considerazione sono:

  • il Volume di ricerca, cioè quante persone cercano questo termine ogni mese su Google;
  • il Costo per clic (CPC) che indica quanto ti verrà addebitato da Google per ogni utente che clicca sul nostro annuncio;
  • la Concorrenza (Comp). Le informazioni sulla concorrenza mostrano quanti inserzionisti stanno utilizzando la parola chiave.

Le caratteristiche di una campagna Google Ads

Oltre agli annunci di testo nei risultati di ricerca di Google, esistono anche diversi tipi di pubblicità “display“. Google infatti, consente di farci pubblicità con vari formati e dimensioni di annunci di testo, annunci illustrati, statici e animati ma anche annunci rich media e video. Gli annunci di testo sono costituiti da un titolo e due righe di testo e consentono agli inserzionisti di creare una serie di annunci di testo per ricevere il maggior numero di clic.
Gli annunci illustrati invece, sono un’immagine statica che riempie l’intero blocco del nostro annuncio su un sito Web di terze parti. Questa immagine, si può personalizzare insieme al layout e ai colori di sfondo di questi annunci illustrati. Gli annunci rich media a differenza di quelli illustrati, includono elementi interattivi, come animazioni o altri aspetti che cambiano a seconda di chi guarda l’annuncio e di come interagisce con esso.
Per fare un esempio, un carosello di prodotti in movimento di un sito e-commerce. Infine, possiamo scegliere di utilizzare gli Annunci video che ultimamente, stanno diventando sempre più popolari.

Come funziona una campagna display

La Rete Display è una campagna completamente diversa dalla rete di annunci di solo testo. Configurare una Rete Display è abbastanza semplice. Per prima cosa, dobbiamo accedere a Google Ads e fare clic su “campagne”. Quindi fare clic sul pulsante “nuova campagna” e fare clic su “solo Rete Display”. Se si desidera scegliere come target persone su dispositivi specifici, come desktop e laptop o dispositivi mobili, si può fare cliccando su “Opzioni avanzate per cellulari e tablet”, quindi, includiamo o escludiamo le persone che utilizzano sistemi operativi, dispositivi o specifici fornitori di servizi.

Impostiamo la località che è semplicemente dove desideriamo che gli annunci vengano visualizzati. In “offerta e budget”, per impostazione predefinita, Google AdWords imposterà le offerte per massimizzare i tuoi clic. In genere, è meglio impostare manualmente le nostre offerte in modo da assicurarci di spendere entro il budget che abbiamo a disposizione.
Il budget giornaliero si può impostare come preferiamo. In generale, bisogna utilizzare delle parole chiave per la Rete Display. Quindi, i nostri annunci verranno visualizzati su contenuti correlati alle parole chiave che abbiamo scelto. Quando qualcuno sta visualizzando un articolo con un annuncio display che utilizza le nostre parole chiave, verrà visualizzato il nostro annuncio.
Per un annuncio illustrato, basta caricare un’immagine facendo clic su “carica un annuncio”. Funziona allo stesso modo di una rete di ricerca; scegliamo un titolo, una descrizione, una seconda descrizione di riga, l’URL di visualizzazione e l’URL effettivo a cui saranno indirizzate le persone che cliccheranno sull’annuncio display.

Una volta che l’annuncio è stato creato, vedremo una piccola anteprima. Basta fare clic su “Fine” se si desidera soltanto visualizzare l’annuncio. Se si desidera aggiungere altri annunci display, facciamo clic sulla scheda annunci, andiamo verso il basso e facciamo clic su “Nuovo annuncio” per poi sceglierlo dall’elenco.

Per creare un banner, utilizziamo il “Generatore di annunci display”. Possiamo creare un annuncio display senza dover caricare un’immagine scegliendo uno dei modelli già esistenti aggiungendo gli stessi dettagli di un annuncio di testo. Quindi; inseriamo un titolo, due righe di descrizione, un URL di visualizzazione e un URL di destinazione.
La principale differenza fra un annuncio di testo e uno display è che quest’ultimo lo si può modificare molto di più. Una volta che il nostro annuncio display ci sembrerà perfetto, facciamo clic su “visualizza in anteprima e salva” per poi aggiungerlo al nostro gruppo di annunci.

Tutte le tipologie di campagne che ci sono

Al momento, esistono cinque tipi di campagna AdWords:

  1. Rete di ricerca con selezione Display;
  2. Rete di ricerca;
  3. Rete Display;
  4. Shopping;
  5. Video

Ognuna di queste, può aggiungere un valore diverso alla nostra attività. Fra queste, la rete Display e la rete di ricerca sono le più facili da integrare nelle prime iniziative di marketing. La Rete Display è composta da più di un milione di siti, comprese proprietà digitali come Gmail, YouTube e Blogger.

Le campagne display utilizzano il targeting contestuale per pubblicare annunci di testo, illustrati, rich media o video quando le parole chiave per cui fai un’offerta sono correlate ai contenuti di un sito.

La rete di ricerca invece, è quella in cui si possono trovare maggiori opportunità, ma di solito, le parole chiavi sono ad alta concorrenza e quindi, i prezzi tendono ad essere più elevati.
Anche se la rete di ricerca consente solo annunci di testo, può essere un vantaggio. Gli annunci di testo offrono molte opportunità di ottimizzazione. Una campagna ideale per tutti coloro che desiderano rivolgersi solo agli utenti che navigano nel Web e che stanno cercando contenuti, prodotti e servizi.

Poi abbiamo la campagna shopping, rivolta ai rivenditori che desiderano che le foto dei loro prodotti compaiano nelle ricerche che Google riconosce come orientate a quello stesso prodotto.

La campagna video, fornisce risultati organici che possono essere orientati verso il nostro canale YouTube.

Analisi dei dati in Google Ads

Il miglior modo per tener traccia dei dati di Google Ads è collegarlo a Google Analytics. Per collegare i nostri account Google Ads e Google Analytics bisogna avere l’accesso ad un account Google Analytics con la stessa email che utilizziamo per l’accesso a Google Ads. Scegliamo semplicemente l’account AdWords a cui desideriamo collegare i due account, selezioniamo l’interruttore su “On” per tutte le visualizzazioni per le quali desideriamo che siano presenti i dati nel nostro account AdWords.

Con queste due piattaforme collegate insieme, saranno in grado di comunicare in modo molto più efficiente per fornire dati migliori. Saranno anche in grado di fornirci alcune funzionalità aggiuntive.

Potrebbe interessarti: Come fare SEO Audit

Remarketing in Google Ads: cos’è?

Il Remarketing in Google Ads è l’utilizzo di elenchi per gli annunci della rete di ricerca che serve per aumentare le proprie vendite e per garantire che i nostri potenziali clienti vedano un testo perfetto dei nostri annunci su misura per loro. Migliora il CTR e i tassi di conversione e garantisce che l’annuncio sia il più pertinente e informativo possibile.
Gli elenchi per il remarketing per gli annunci della rete di ricerca consentono di aggiungere gruppi personalizzati di visitatori alle campagne di ricerca con un aggiustamento delle offerte in positivo o negativo. Consente quindi di creare un pubblico in base alle loro azioni e di indirizzarli con un testo pubblicitario specifico, oppure si possono anche escludere.

Come si tracciano le conversioni?

Quando qualcuno fa clic sul nostro annuncio pubblicitario a pagamento di Google, il monitoraggio delle conversioni può essere tracciato con un codice javascript. Se stai monitorando le vendite sul tuo sito web, il codice di monitoraggio si attiverà quando il visitatore arriva sulla nostra pagina web.
L’aggiunta di un codice di monitoraggio delle conversioni di Google Ads è il modo più efficace per capire il rendimento delle nostre campagne pubblicitarie. Per ottenere un ID di conversione e un codice per il monitoraggio, per prima cosa dobbiamo accedre al nostro account Google Ads.
Una volta che abbiamo effettuato l’accesso, facciamo clic sull’icona degli strumenti che si trova nell’angolo in alto a destra e facciamo clic su “Conversioni in Misurazione”. Clicchiamo sul pulsante per creare una nuova azione di conversione.
Selezioniamo il nostro sito web e compiliamo i dettagli. Inseriamo un nome di conversione e impostiamo le restanti opzioni come meglio crediamo.

Potrebbe interessarti: Cos’è la SEO Local

Come Ottenere la certificazione Google Ads

Una certificazione di Google Ads per i nostri annunci pubblicitari ti consentirà di mostrare ai tuoi potenziali clienti che possono fidarsi perché siamo partner di Google. Per diventare partner bisogna soddisfare svariati requisiti. Diventare partner di Google non ha un costo, ma i requisiti per diventarlo possono cambiare in qualsiasi momento.

Tutti questi requisiti e le informazioni utili per diventare partner di Google si trovano a questo indirizzo

Phybeap:

Cost Zithromax ImmubSesfess [url=https://xbuycheapcialiss.com/]cialis generic c...

Phybeap:

Trustedonlinepills ImmubSesfess ...

inheptege:

Propecia .2 Dose ImmubSesfess [url=https://xbuycheapcialiss.com/]cheapest ciali...

inheptege:

Where Can I Buy Orlistat Tablets ImmubSesfess [url=https://xbuycheapcialiss.com...

yTFZeYwojbfAic:

HnAEDMhWuiGyrT...

zortilo nrel:

F*ckin¦ awesome things here. I am very satisfied to look your post. Thanks so m...

URL:

... [Trackback] [...] Find More Informations here: guideseo.it...

Gli Esperti Italiani: Intervista a Gaetano Romeo | Guide SEO:

[…] mille per la disponibilità a Gaetano, con voi ci rivediamo alla pross...

Gli Esperti Italiani: Intervista a Riccardo Esposito | Guide SEO:

[…] Ciao amici, eccoci al secondo appuntamento per la rubrica dedicata all...

Fattori di ranking che ti fanno posizionare su Google nel 2020 | Guide SEO:

[…] Lavorare su questo aspetto ti assicurerà di certo una migliore conver...

Tutti gli operatori Google per la ricerca avanzata | Guide SEO:

[…] Potrebbe interessarti: Studiare la SEO […]...

Studiare la SEO, da dove si comincia | Guide SEO:

[…] Una volta che avrai appreso le basi della SEO, dovrai imparare anche a...