06

Ago

Gli Esperti Italiani: Intervista a Luca Bove

Category : News e Eventi, SEO / by

Continuiamo con lo speciale dedicato agli esperti, tanti bei spunti stanno nascendo dalle loro interviste.

Ti sei perso le altre? Ecco le interviste agli esperti Web.

Oggi tocca a Luca Bove, consulente ed uno dei maggiori esperti SEO italiani,  tra i maggiori esperti di Local Search.

Buona lettura!

Ciao Luca, grazie per aver accettato questa intervista, per iniziare raccontaci chi sei e di cosa ti occupi.

Vengo da una formazione tecnica (sono laureato in Informatica), e mi occupo di SEO come occupazione principale dal 2000. Nel 2007 ho cominciato a interessarmi al mondo della LOCAL SEO. Sono co-fondatore di una agenzia che si occupa esclusivamente di Local Marketing https://www.LocalStrategy.it.

Mi trovate spesso in eventi di settore e occupo sporadicamente anche di formazione sempre in questo ambito. Ho anche scritto 2 libri.

Come hai iniziato a fare SEO?

A fine 1999, dapprima per curiosità personale, eravamo ancora agli inizi del web. Era il periodo della cosiddetta “New Economy“, c’erano diversi motori di ricerca che cercavano di organizzare il web e Google era nato da poco più di un anno. Ho cominciato a seguire alcuni forum internazionali e il primo italiano.

Qui ho imparato un po’ di cose e subito mi sono messo ad applicarle a casi concreti. Era ancora l’inizio del web, c’era molta sperimentazione. Poi nel 2003 abbiamo creato una agenzia SEO ( www.imevolution.it)

Qual è la tua giornata lavorativa tipo?

Lettura di feed per capire le novità, veloci riunioni con lo staff interno, studi di strategie nuove, analisi dei progetti in corso per capirne l’andamento, call con prospect e clienti.

Com’è cambiata la SEO in questi anni?

Nel periodo in cui ho iniziato io, la SEO quasi coincideva con il web marketing. Erano pochi i canali utili per portare persone sui siti web. Con poche operazioni sui siti web (ora vietatissime dalle policy dei motori di ricerca) riuscivi ad ottenere risultati concreti. C’era anche pochissima concorrenza. Nel tempo sono nati tanti canali aggiuntivi, tanti strumenti utilizzati dalle persone. Questo ha complicato molto la vita dei marketer. Ed è cambiata tantissimo anche la SEO, sia per l’evoluzione tecnologica da parte degli attori in gioco, sia per la maggiore consapevolezza delle persone.

Siamo coscienti di avere uno strumento sempre in tasca con noi che risponde a moltissime domande e dubbi che abbiamo. E lo usiamo. Questi momenti sono delle opportunità straordinarie per le aziende per potersi connettere con i loro potenziali clienti.

Come SEO dobbiamo identificare e comprendere questi momenti. E poi sfruttarli per connettersi con queste persone. Questa è la SEO essenzialmente.

Ti ho conosciuto in un evento in giro per l’Italia come principale esperto italiano sulla SEO Local, come mai hai scelto di focalizzarti su questa?

Mi ci sono trovato sopra nel 2007 un po’ per caso. Nell’ambito dell’attività seo per una piccola catena di alberghi, ad un certo punto notammo un calo delle visite e soprattutto un calo delle prenotazioni. Sulle SERP era appena apparso il local pack, giusto in cima, nell’ambito dell’introduzione della Universal Search. Questo colpiva l’attenzione dei potenziali clienti che cliccavano lì sopra e molto meno su classici link blue.

Ne ho compreso subito le potenzialità, e ho iniziato lo studio di questo mondo, creando poi una agenzia dedicata (www.LocalStrategy.it) e lavorando in ambiti anche molto complessi.

Quali sono gli errori più comuni delle aziende nell’utilizzo di Google My Business?

Il primo è quello di Non dargli il giusto peso in una strategia di marketing. Tra le varie tattiche di marketing digitali, il Local Search Marketing forse è quella più sottovalutata. E questo sottovalutazione fa si che ad esempio le schede non vengano aggiornate, e si trovano spesso informazioni fuorvianti che fanno perdere fiducia al potenziale cliente.

Altro problema lato SEO è che quando si proviene dalla SEO “classica” non tutte le attività vanno bene.

Local SEOQuali sono i fattori che influenzano il posizionamento nella local search ?

Qualche anno fa, Google ha creato una pagina in cui dispensa, in maniera ufficiale seppur MOLTO generica, dei consigli

https://support.google.com/business/answer/7091?hl=it

E bisogna partire da qui. Vediamoli meglio La distanza ovviamente è uno dei fattori, essendo in ambito local. L’altro è la pertinenza, ovvero dobbiamo far capire in tutti i modi possibili cosa facciamo di preciso. E qui serve compilare tutti i campi della scheda, avere un sito web collegato alla scheda con tutte le informazioni possibili, schema.org sul sito.

E poi Google legge le info anche dagli utenti, ad esempio dalle recensioni. Un altro motivo per farsi fare recensioni.

Il terzo è la Prominence che significa essere autorevole, e qui serve la SEO “standard” sul sito web (contenuti adeguati, buoni link e via discorrendo), le citazioni di tipo NAP (Name, address, phone), recensioni, e anche il comportamento dell’utente.

Consigli per ottimizzare una scheda Google My Business?

Semplificando parecchio:

  • Verificare la scheda, compilare tutti i campi e tenerla sempre aggiornata
  • Buon sito web collegato alla scheda, e sopra occorre fare attività SEO
  • Qualche citazione in giro (ma questa attività conta sempre meno)
  • Qualche buon link da siti autorevoli locali o tematicamente affini
  • Ottenere tante recensioni
  • Utilizzare i Google post (quando possibile)
  • Gestire e inserire tante foto (se la categoria lo ammette)
  • Monitorare il contesto per risolvere i vari problemi che ogni tanto capitano (ad esempio modifica dei dati, presenza di duplicazione, dati caricati da utenti non conformi, ..)
  • Segnalare lo spam dei competitor

Che ruolo dai alle recensioni in una strategia di posizionamento locale?

Fondamentale. E qui non ci sono dubbi, lo dice direttamente ed esplicitamente Google nel link di sopra. Occorre quindi chiederle ai propri clienti in maniera proattiva.

Quali sono i 5 SEO (italiani o stranieri) che segui costantemente?

Sono tantissime le persone che stimo in questo mondo, sicuramente superiori a 5. Sicuramente tutto lo staff di Im Evolution e Local Strategy con cui ci confrontiamo quotidianamente. Per il resto cito solo Enrico Altavilla da cui ho appresso una forma mentis analitica per approcciare l’attività SEO.

3 strumenti indispensabili per fare SEO?

Search Console, Google Analytics e fogli di calcolo … meglio farsi le ossa con questi. Una volta compreso bene si possono usare gli altri strumenti. E ce ne sono tanti.

Come vedi il futuro della Local SEO? E più generale della SEO?

Molto florido. Sicuramente più complesso, ma molto interessante e vivo. Fino a quando le persone avranno bisogno di cercare informazioni, ci sarà sempre necessità di fare buona SEO che possa connettere le aziende con le persone.

E il compito dei professionisti SEO sarà sempre di più capire come soddisfare al meglio l’utente finale, fornendogli la migliore esperienza di ricerca. La tecnologia per farlo sicuramente si evolverà, ma sarà sempre funzionale a capire gli utenti.

Quali sono i tuoi prossimi progetti? Libri o Corsi in vista?

Si c’è un libro in scrittura e un corso sul mondo del Local Search Marketing piuttosto avanzato in preparazione.

Un consiglio da dare ad un SEOfita?

Studiare da fonti affidabili, e soprattutto sperimentare tanto, sporcarsi le mani. Si impara meglio facendo, soprattutto in ambito SEO. Di solito consiglio a chi vuole iniziare di provare con le affiliazioni, perché hai un obiettivo concreto da raggiungere ed è un settore molto concorrenziale, dove si impara davvero tanto.

Un consiglio molto utile, anche per capire come si comportano gli utenti, è frequentare le community di supporto ufficiale di Google. La si scoprono quali sono i problemi comuni di molte persone ad esempio https://support.google.com/websearch/threads?hl=en o https://support.google.com/websearch/threads?hl=it

Ppoi ovviamente il gruppo di Local Strategy: https://www.facebook.com/groups/LocalStrategy/ l’unico del genere in Italia.

Grazie mille per la disponibilità, in bocca al lupo per tutto.

Grazie a tutti voi per la lettura, se non le avete lette ecco le interviste a Riccardo MaresRiccardo Esposito e Francesco Margherita.

URL:

... [Trackback] [...] Find More Informations here: guideseo.it...

Gli Esperti Italiani: Intervista a Gaetano Romeo | Guide SEO:

[…] mille per la disponibilità a Gaetano, con voi ci rivediamo alla pross...

Gli Esperti Italiani: Intervista a Riccardo Esposito | Guide SEO:

[…] Ciao amici, eccoci al secondo appuntamento per la rubrica dedicata all...

Fattori di ranking che ti fanno posizionare su Google nel 2020 | Guide SEO:

[…] Lavorare su questo aspetto ti assicurerà di certo una migliore conver...

Tutti gli operatori Google per la ricerca avanzata | Guide SEO:

[…] Potrebbe interessarti: Studiare la SEO […]...

Studiare la SEO, da dove si comincia | Guide SEO:

[…] Una volta che avrai appreso le basi della SEO, dovrai imparare anche a...