02

Apr

Come cambia la SEO con BERT

Category : SEO / by

SEO, posizionamento, parole chiave. In questi ultimi anni avrai sentito questi termini decine, se non centinaia di volte. Ma ora c’è di più. Google ha da poco messo a punto un nuovo aggiornamento e sì, questa rivoluzione riguarda anche te.

La rivoluzione si chiama BERT, il più grande aggiornamento di Google dai tempi di RankBrain. Il suo obiettivo? Modificare profondamente l’algoritmo di Google. Si dice che BERT influenzerà 1 query su 10. Non poco.

 

E a me che cosa cambia, dirai?

In realtà tutto. Ci sono elevate possibilità che questo nuovo aggiornamento avrà degli impatti sul tuo sito. Motivo per cui meglio non farsi trovare impreparati e adeguare la SEO al nuovo algoritmo. Solo in questo modo potrai assicurarti un buon posizionamento su Google.

Per adeguare il tuo sito è perciò consigliabile rivolgersi a un’agenzia di web marketing di professionisti. Così facendo potrai ottimizzare il tuo spazio online nel migliore dei modi.

Nextre Digital è un’agenzia SEO di Milano che lavora con clienti su tutto il territorio nazionale. I suoi professionisti sono a tua completa disposizione per mettere a punto una soluzione adeguata che prenda in considerazione le novità di Google BERT e le query di ricerca legate al tuo sito.

In primis però è necessario conoscere meglio questo BERT.

Chi è o meglio cos’è BERT?

BERT sta per Bidirectional Encoder Representation from Transformers. In poche parole Google ha cercato di trovare un compromesso tra la semantica del web e quella della lingua, pur rimarcando le ovvie differenze.

BERT sfrutta un modello linguistico bidirezionale, dunque non più solo da sinistra a destra ma anche da destra verso sinistra. In questo modo, le singole parole di una frase vengono messe in relazione tra loro e non singolarmente.

Che cosa vuol dire?

Significa che in questo modo Google potrà fare delle previsioni sulle nostre ricerche a partire dalle parole che inseriamo, in base alla relazione che hanno con altre parole.

Non ci vuole un genio informatico per intuire che il funzionamento di questo nuovo algoritmo è davvero molto complesso. Tuttavia vale la pena fare uno sforzo in più per cercare di comprendere perché sia davvero così importante.

 

BERT è davvero indispensabile?

La risposta è sì. Come abbiamo già accennato, BERT nasce per rivoluzionare l’idea del posizionamento sui motori di ricerca. Se possiedi una piattaforma online avrai già avuto modo di sperimentare quanto sia importante rimanere sempre aggiornati per poter arrivare in prima pagina su Google.

Se sei curioso di sapere cosa fa BERT nel concreto e in che modo potrebbe cambiare la tua presenza sui motori di ricerca ti indichiamo alcuni esempi.

1) Le preposizioni diventano fondamentali nelle query di ricerca

Se una volta eravamo abituati a tralasciare l’importanza di piccoli termini come “da” “a” “per” oggi non dovrà essere più così. BERT è stato infatti concepito per rendere più accurate le nostre ricerche. Motivo per cui le preposizioni assumono un significato non da poco.

Indicizzare il tuo sito web in tal senso sarà dunque il tuo goal dei prossimi mesi. Se conosci già le tue keyword di riferimento ma non riesci a vedere risultati, oppure hai bisogno di pianificare tutto da zero, contatta subito un’agenzia SEO.

2) Le parole sono abbinate al contesto di riferimento

Il precedente algoritmo era solito abbinare i termini, anche quelli di significato diverso dal punto di vista lessicale.

Questo andava a penalizzare query di ricerca specifiche dal momento che, per esempio, “stare a” non ha lo stesso significato di “stare senza”.

Grazie a BERT, Google ora sa che il significato di ogni termine è correlato alla frase specifica. Anche questo può influire molto sulla SEO del tuo sito web.

3) Rich Snippet più pertinenti nelle ricerche

Gli rich snippet sono le anteprime dei siti che Google mostra nella colonna delle ricerche. Bene. BERT è un ottimo strumento che aiuta il motore di ricerca a effettuare una selezione degli snippet ancor più accurata, con l’obiettivo di garantire all’utente un’esperienza migliore. Ovviamente sempre sulla base della selezione delle keyword.

Per esempio se cerchi “Cosa non fare per ottimizzare il tuo sito web”, da oggi Google prenderà in considerazione non solo la keyword “sito web” ma anche “non”.

Sembra un dettaglio di poco conto, invece è proprio quel “non” a fare la differenza!

Google BERT

Quindi la SEO può davvero cambiare l’esperienza degli utenti?

Esattamente. L’obiettivo di Google BERT è proprio quello di garantire ai propri utenti un’esperienza migliore, in cui immediatezza e qualità si possano incontrare. Per questo motivo è necessario rivedere la strategia SEO del proprio sito, così da garantirsi un posizionamento che miri a essere connesso a tre tipologie di query di ricerca:

  • Informative;
  • Di navigazione;
  • Di transazione.

 

Per questo motivo, come abbiamo già accennato, sarebbe opportuno rivolgersi a dei professionisti per poter ottenere il massimo delle prestazioni dal tuo sito.

Un sito web non è altro che il prolungamento dei suoi servizi in rete. Uno strumento dalla potenzialità infinita che, tuttavia, deve essere sfruttata al meglio. Motivo per cui a volte è necessario investire in modo mirato.

 

Servizi su misura per te

Un’agenzia SEO può proporti un modello di crescita sul web pensato per il tuo target e sulla base di un budget che potrai scegliere tu. A partire da questo potrai assicurarti un percorso di crescita continuo, costante e sempre in linea con i cambiamenti della SEO di cui, oggi, Google BERT rappresenta la più importante novità in assoluto.

 

Non arrivare tardi e garantisci al tuo sito web un ottimo posizionamento sui motori di ricerca!